Questa volta se ne è andato come un eroe. Se glielo avessero detto mentre era in servizio non ci avrebbe creduto. Auto della Guardia di Finanza a cingere con affetto il portone del Preziosissimo Sangue di corso XXII marzo a Milano da cui sarebbe uscito tra due ali di cittadini. Gli allievi dell’Accademia ordinati con […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

I pm su Siri: “Investimenti per coprire soldi sporchi”

prev
Articolo Successivo

I nuovi “re di Roma”: narco-albanesi e eredi Senese&Casamonica

next