La moglie di Claudio Descalzi, amministratore delegato di Eni, è indagata a Milano per corruzione internazionale. Maria Magdalena Ingoba detta Madò, donna d’affari nata in Congo, è accusata di aver partecipato allo schema di corruzione su cui sta indagando da tempo la Procura milanese: è ipotizzato il pagamento di tangenti da parte di Eni a […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Lotti dice ai pm milanesi: “Cercai carte sul pm Ielo”

prev
Articolo Successivo

Giustizia, la prescrizione e Renzi dividono il governo

next