L’imbarazzante fuga di Matteo Renzi dal Partito democratico non è solo l’occasione per capire una volta per tutte la vera natura di questo piccolo imprenditore del proprio potere, personale e di clan (inseparabile dallo “stantio odore di massoneria” captato per tempo da Ferruccio de Bortoli). È soprattutto l’occasione per il Pd di ripensare se stesso, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Solo tecnici nella mia giunta. Liste pulite? No, caso per caso”

prev
Articolo Successivo

“Patto contro l’evasione: ora arrivano le manette”

next