Nessun avvelenamento. Nessuna intossicazione da metalli pesanti. Niente polonio radioattivo. Nessuna cura sbagliata o colpa medica. Imane Fadil è morta il 1° marzo 2019 per una grave malattia, l’aplasia midollare, associata a un’epatite acuta. Il suo midollo spinale non produceva più globuli bianche e globuli rossi. Dopo sei lunghi mesi di attesa e una consulenza […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Lucia, vittima dell’ex fidanzato e dei risolini di Bruno Vespa

prev
Articolo Successivo

“Troppe cose sono ancora da esplorare, affrettata la richiesta dei magistrati”

next