Un sostanziale testa a testa. Nessuno dei due grandi partiti – né la destra del Likud né i centristi di Kahol Lavan (Blu e Bianco) – sembrerebbe in grado di formare una coalizione di governo con una maggioranza di 61 seggi, certamente non la destra di Benjamin Netanyahu. Chiamati per la seconda volta al voto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Il M5S si astiene su Lagarde Il giorno di Macron a Roma

prev
Articolo Successivo

Pubblicità in tv. Quando l’ingombro degli spot rende impossibile la visione

next