“Sì, pronto?”. “Buongiorno, vorrei un ta….”. “Sono Enrico Brignano da Roma, volevo ricordarvi che dal 12 settembre vi aspetto al cinema con il mio film. Ah!, ma voi volete un taxi? Allora restate in linea che ve lo cerco subito”. E giù con la solita musichetta improbabile, in attesa di parlare con un vero operatore. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

L’incubo del centro unico prenotazioni

prev
Articolo Successivo

Le gaffe del duo Alesina & Giavazzi, ma sul Corriere “basta la parola”

next