L’eredità di Mario Draghi è una Banca centrale europea schierata con tutti i suoi bazooka, caricati e con qualche colpo che partirà già da novembre, sulla trincea che separa l’Eurozona dalla recessione. Ma l’esito della battaglia – il presidente della Bce lo chiarisce ancora una volta –, dipende dalla politica fiscale: spetta ai Paesi con […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Ora re Matteo è nudo in Veneto: il grande bluff dell’autonomia

prev
Articolo Successivo

Disoccupazione scende al 9,9%, ma giù anche le ore lavorate

next