“Gli arabi vogliono annientarci tutti”. Dopo una escalation di dichiarazioni, alla fine l’invettiva anti-araba è saltata fuori dal profilo Facebook del premier Benjamin Netanyahu. Segnalato subito dai media e dalle tv, il popup che si apriva alla pagina del primo ministro è stato rimosso qualche ora dopo perché “frutto di un errore”. Il Likud, partito […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

La “coscienza” di Schumi che serve al mito (e ai fan)

prev
Articolo Successivo

“Hong Kong come Berlino: è la nuova guerra fredda”

next