“Agente della Cia”, “separatista”, “addestrato dai marines”: sono questi gli appellativi con cui la stampa filo-cinese ha descritto Joshua Wong, leader del movimento di protesta di Hong Kong ‘Demosisto’ diventato famoso nel 2014 per la ‘protesta degli ombrelli’, che ha costretto il governo di Pechino a ritirare la contestata legge sull’estradizione appena pochi giorni fa. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Mr. Security traballa Arabi, razzi, elezioni: tutte le paure di Bibi

prev
Articolo Successivo

L’agente che voleva riportare Sofia “a casa”

next