Cuore nero o cuore di Stato? “Er Caccola” si è sempre presentato come un “soldato politico”, puro militante della destra fascista che lavora per la “rivoluzione nazionale”. Molti dei suoi stessi camerati – primo fra tutti Vincenzo Vinciguerra, all’ergastolo per la strage di Peteano – lo accusavano di farsela invece con gli apparati dello Stato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Nuova richiesta di domiciliari per il sindaco di Bibbiano

prev
Articolo Successivo

Diabolik, i pm verificano le accuse dell’amico

next