I nomi degli “intoccabili” citati da Fabio Gaudenzi detto Rommel, il “fascista di Roma Nord”, sono scritti nero su bianco nei verbali secretati della Procura di Roma. I magistrati della Dda, Nadia Plastina e Giovanni Musarò, stanno verificando le dichiarazioni rese lunedì a Rebibbia dal camerata e la sua “lista di nomi di donne, uomini, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Il fascista Delle Chiaie se ne va coi segreti su 60 anni di trame

prev
Articolo Successivo

Hollywood. Le accuse di Susan Sarandon contro il cinema “affaristico” sono faziose

next