Tra i lavoratori dell’acciaieria Ast di Terni è tornato il panico: la proprietà, che fa capo al gruppo tedesco Thyssen, ha appena chiesto tredici settimane di cassa integrazione per 1.200 dipendenti su un totale di 2.350. Il motivo è una crisi che riguarda le commesse, in calo soprattutto tra i clienti ordinari. Solo tre mesi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Il caso dei balneari: come non gestire i beni comuni

prev
Articolo Successivo

Prove di impeachment Russi, donne, interessi: come inchiodare Trump

next