È durato cinque ore l’interrogatorio di Fabio Gaudenzi, detto Rommel, il fascista di Roma Nord, che ha raccontato quanto sapeva ai pm della Dda Nadia Plastina e Giovanni Musarò sulla morte dell’amico e camerata Fabrizio Piscitelli, il narcotrafficante freddato lo scorso 7 agosto al parco degli Acquedotti. “Ha fatto nomi, cognomi, fornito indirizzi e documentazione […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

La Madonna di Polsi in processione con inchino al boss, ma in Liguria

prev
Articolo Successivo

Spada, chiesti tre ergastoli e altre 21 condanne per il clan Minacce a Federica Angeli

next