In auto da Roma a Milano con Gianni Brera, lo vedevo ogni tanto sorseggiare del whisky. Passata Firenze, mi intimò: “Leos” (mi chiamava così) “non sei un vero uomo se non bevi anche tu’!”. “Ma sto guidando…”. “Ci fermeremo a cena da Biagi, a Casalecchio. Poi riprendiamo la strada, è tutta dritta…”, disse furbo, come […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Razzismo & calcio. È colpa di tutti

prev
Articolo Successivo

“Restanza”, la sfida del Sud per il ministro Provenzano

next