Tra Vittorio Feltri (Libero), Maurizio Belpietro (La Verità) e Alessandro Sallusti (Il Giornale) ieri c’è stata una gara spettacolare per salutare nel modo migliore il Conte 2. A differenza della sinistra salviniana del gruppo Espresso-Repubblica che esibisce un lutto cimiteriale per il nuovo governo; i tre direttori della nostra sobrissima destra hanno sparato pirotecnici fuochi. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

La Rai pensa al riconteggio per liberarsi di Foa

prev
Articolo Successivo

Così B. si tiene l’organo (di stampa) di garanzia

next