È stato un anno vissuto pericolosamente, con la critica quasi all’unisono dei grandi giornali e il pubblico forse sprovvisto di solidi riferimenti per comprenderne a fondo il significato. Fatto sta che le uscite degli ultimi giorni sembrano segnare la definitiva archiviazione delle analisi costi-benefici come strumento di valutazione. Un pericoloso ritorno al passato. Da sempre […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Benetton, Tav&C.: la linea De Micheli è quella di Salvini

prev
Articolo Successivo

Cernobbio si fa giallorosa: “Così vince l’europeismo”

next