Qualcuno nella vicenda sulla morte del carabiniere Mario Cerciello non ha sempre detto la verità. A cominciare dal suo collega Andrea Varriale, il militare che era con Cerciello la sera della colluttazione avvenuta a Roma con i due americani Elder Finnegan Lee e Christian Gabriel Natale Hjorth, finita in tragedia. C’è infatti un aspetto che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Incandidabile il leghista anti-Lucano di Riace

prev
Articolo Successivo

“Violentata dal figlio di Grillo e dai suoi amici a Porto Cervo”

next