È un incubo che le loro mamme, o nonne, hanno già vissuto: nei dieci anni dell’occupazione russa, un (ristretto) numero di donne afghane sperimentò una certa emancipazione: andavano a scuola, lavoravano, facevano le insegnanti, il capo scoperto, gonna e camicetta castigate da giovani pioniere del comunismo. I russi partirono, arrivarono al potere i Talebani e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Omicidio Vassallo: “Indagini depistate dall’ambiente locale”

prev
Articolo Successivo

Brexit, Johnson va sotto alla vigilia del voto finale

next