Sei persone al tavolo dell’hotel Metropol di Mosca. Tre italiani e tre russi. Dei nostri connazionali sappiamo. A guidare la delegazione è Gianluca Savoini, l’uomo in più dell’ex vicepremier Matteo Salvini per gli affari russi della Lega. Oltre a lui, l’avvocato d’affari Gianluca Meranda e il consulente finanziario Francesco Vannucci. È la mattina del 18 […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Siri e quel prestito che l’ha inguaiato: “Era per mia figlia”

prev
Articolo Successivo

Il Cnr accusa Tirreno Power: “Nel Savonese mortalità +49%”

next