Al momento, e non c’è motivo di dubitare che così sarà anche alla fine, la bozza di programma del futuro governo giallo-rosé è una lista di 26 impegni sufficientemente generici da poter essere interpretati in molti modi. Quel che segue è il tentativo di inserirli in un contesto che tenga conto della realtà e delle […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Il ministro umanista, fuochista o di fatica? E la Trenta non fa 31

prev
Articolo Successivo

Governo Conte 2, i tempi delle riforme. Un primo sì al proporzionale, poi il taglio dei parlamentari

next