Domenica – nel pieno delle trattative per il nuovo governo – il premier incaricato Giuseppe Conte si è collegato con la Festa del Fatto, riuscendo – senza mancare di rispetto alla fase e al ruolo istituzionale – a dire delle cose in un momento in cui non poteva praticamente dire nulla, a parte forse buongiorno. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Morti sul lavoro: la mattanza dimenticata (pure dalla retorica)

prev
Articolo Successivo

La vignetta di Mora 0409

next