Sono passati esattamente 454 giorni da quando Christine Lagarde, managing director del Fondo monetario internazionale, si congratulava con le autorità argentine per aver raggiunto l’accordo per ricevere dal Fmi un prestito di 56 miliardi di dollari. Il governo argentino del liberale Mauricio Macri si impegnava ad abbandonare la politica di riforma graduale dell’economia per sostituirla […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Sequestri e supermulte per le navi delle Ong

prev
Articolo Successivo

La sfida allo Stato di diritto dei colossi tech

next