Da piccolo giocavo coi tappetti a corona che noi milanesi chiamiamo tollini. Mia madre non voleva che andassi a giocare in strada. Così, mi arrangiavo nel corridoio di casa. Incollavo le immagini dei ciclisti e preparavo il percorso delle tappe, disegnandole col gessetto sul pavimento, ogni giorno, in contemporanea col Giro d’Italia. Per tirare, calibravo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

La rivoluzione di papa Celestino V: il perdono per poveri e diseredati

prev
Articolo Successivo

Quel maestro di Riace che non può abbracciare il figlio Mimmo

next