L’8 agosto, due giorni prima di suicidarsi, Jeffrey Epstein convoca al Metropolitan Correctional Center di New York, lo stesso che ha ospitato il padrino John Gotti ed El Chapo, il notaio e firma il testamento, un documento standard di 21 pagine, indicando come unico erede il fratello Mark. Il patrimonio del miliardario accusato di abusi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Mora 2508

prev
Articolo Successivo

Jeff, dai “bassi” a Trump: la malattia al potere

next