A un mese dalla morte del presidente icona della Primavera tunisina, Beji Caid Essebsi, la Tunisia si appresta a compiere, con tutti i sussulti delle democrazie acerbe, un delicato slalom elettorale: prima le presidenziali del 15 settembre, poi le politiche del 6 ottobre. L’arresto di uno dei favoriti alla successione di Essebsi, Nabil Karoui, discusso […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La “lobby del bue” in Amazzonia non fa prigionieri

prev
Articolo Successivo

Tusk: “Se il governo Bolsonaro consente la distruzione salta accordo Ue-Mercosur”

next