Un disastro ambientale per saziare gli appetiti della Cina. E anche di alcune organizzazioni criminali. È il rischio corso in diverse zone italiane a causa del business delle oloturie, specie più nota come “cetrioli di mare”: un prodotto raccolto in modo selvaggio nei nostri mari per essere esportato in alcuni paesi asiatici dove è considerato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Andrea morto nell’ostello malfamato. L’autopsia spiegherà la fine dello chef

prev
Articolo Successivo

“A rischio anche il cavalluccio marino”

next