L’accusa che l’ha portato prima in carcere e poi ai domiciliari è quella di corruzione: Marcello De Vito, ex presidente dell’assemblea capitolina (M5S), secondo la procura di Roma, avrebbe ricevuto diverse “utilità” dall’imprenditore Luca Parnasi, interessato alla costruzione del nuovo stadio della Roma, “in funzione dell’appoggio nell’iter amministrativo” e della “approvazione del progetto” che risultava […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Meglio il golf delle periferie. Mezzo milione al club privato

prev
Articolo Successivo

Piscitelli. Il silenzio delle istituzioni sui funerali di chi non era solo un tifoso

next