“Stiamo per attraversarlo. Prega per me”. Le ultime parole spedite via whatsapp da Simon Cheng alla fidanzata prima di scomparire l’8 agosto scorso si riferiscono al momento in cui il treno su cui il giovane dipendente del consolato britannico di Hong Kong viaggiava per rientrare a casa dalla città cinese di Shenzen, stava per arrivare […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Nevrosi da guerra, reduci abbandonati dal governo

prev
Articolo Successivo

Serie A tutta su Sky L’inciucio con Dazn che fa felice il tifoso

next