Le accuse del presidente del Brasile, Jair Bolsonaro, contro le organizzazioni non governative per i roghi che stanno devastando l’Amazzonia, cadono per mancanza di prove. Lo ha ammesso lui stesso, ipotizzando che potrebbero essere stati anche i fazendeiros, ovvero i proprietari agricoli. L’attacco alle associazioni ambientaliste, comunque, persiste. Infatti, ieri, riferendosi al taglio dei fondi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Un nuovo caso Regeni “Al Cairo gli arrestati spariscono nel nulla”

prev
Articolo Successivo

Nevrosi da guerra, reduci abbandonati dal governo

next