Può durare anche dieci anni un concorso all’Università di Bari per l’assegnazione di un posto da ricercatore. Un decennio segnato da due sentenze del Tribunale amministrativo, tre del Consiglio di Stato e addirittura due procedimenti penali. Un periodo nel quale nelle commissioni giudicatrici i membri si dimettevano uno dietro l’altro, costringendo l’ateneo a comporle e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Buon compleanno cancelletto! Hashtag, 12 anni e buona salute

prev
Articolo Successivo

L’università “bandita” sussurrava al ministero

next