Chiedo scusa se parlo di politica. E non intendo quella che si vede in questi giorni (ieri poi!), con un sabba stupefacente di sgambetti, furbizie, tatticismi, schermaglie più o meno finte, giri di valzer, esternazioni infantili, tweet da seconda media, ipocrisie, opportunismi e ognuno aggiunga a piacere. Parlo, invece, di quello che ci dovrebbe dare […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Matteo l’analfabeta (istituzionale)

prev
Articolo Successivo

Grazie Presidente per l’onestà sul Ponte Morandi

next