Era iniziato il primo giugno 2018, è naufragato appena dopo Ferragosto di un anno dopo. Il contratto di governo ha tenuto fino a che ha potuto, nonostante le profonde divergenze che Lega e Movimento 5 Stelle non hanno mai negato. Più che i disaccordi, però, a pesare sulla rottura sono stati i sondaggi e le […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Ora la crisi potrebbe “salvare” il pc di Siri: la Procura ha bisogno dell’ok per il sequestro

prev
Articolo Successivo

Mutui. Il paradosso del mercato: tassi ai minimi ma le domande sono poche

next