Chi esce da Confindustria non può disdettare, prima della scadenza, i contratti di lavoro sottoscritti dando vita a nuovi accordi. A sancirlo è la Cassazione che ha condiviso un ricorso della Cgil contro la stipula di un nuovo contratto del settore automotive, siglato dopo l’uscita di Fiat da Confindustria nel 2012 con un scelta dell’allora […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Non solo il Jova Beach: così gli eventi sfruttano i volontari

prev
Articolo Successivo

Salario minimo, tutti i timori e le bugie dei suoi detrattori

next