Non c’è un’aria distesa nelle sedi dei sindacati italiani: in mezzo a questa crisi di governo ci sono almeno 150 tavoli aperti che coinvolgono circa 200mila lavoratori. Soprattutto, ci sono i dossier più grossi, per i quali ai primi di settembre sono previsti gli incontri al ministero dello Sviluppo (da Alitalia all’ ex Ilva, passando […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Pil, Germania va in rosso. L’industria italiana trema

prev
Articolo Successivo

Pil e felicità “Meglio gli Usa delle dittature”. “Ma il liberismo sfrenato miete altre vittime”

next