Quando è in difficoltà, cioè spesso, Salvini tira sempre in ballo Renzi. Lo fa perché, nell’elettore, scatti un parallelismo tutto a suo vantaggio: non tanto perché lui sia un fenomeno, quanto perché uno peggiore di Renzi non riusciremmo neanche a inventarlo. Il fatto stesso che, al minimo storico della sua popolarità, la Diversamente Lince di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Franzaroli

prev
Articolo Successivo

Le coperture del Def leghista: vendere rosari e navi Ong al Papeete

next