Lo spread, per così dire, tra un leader ancora in sella e uno disarmato ieri s’è visto in Senato. A Palazzo Madama nel pomeriggio Matteo Renzi, in una irrituale conferenza stampa, ha tentato di nuovo di accreditarsi come regista politico del prossimo governo. Quando ormai era sera Matteo Salvini l’ha usato come punching ball per […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il trucco di Salvini: taglio agli eletti, ma dal 2024…

prev
Articolo Successivo

Conte sarà nell’aula del Senato il 20 agosto: lui pensa alla conta “come Prodi nel 2008”

next