L’incursione di Briatore Flavio, il genio di Cuneo (si contende il titolo da anni con Daniela Santanché), nell’agone politico riporta finalmente la situazione italiana al livello che merita: dadaismo situazionista con venature nichiliste e uso di yacht. Tra l’altro, non passa giorno senza che arrivino prestigiosi endorsement per Salvini da parte di imprenditori, padroni del […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Salvini capitano? No, cocker al guinzaglio

prev
Articolo Successivo

“Pieni poteri”. Breve apologo sulla Repubblica

next