Da vivo, molti “ricchi e potenti” del cosiddetto “bel mondo” temevano di trovarsi dentro l’inchiesta sui suoi traffici. Da morto, nessuno di quelli con la coda di paglia sta tranquillo: Jeffrey Epstein, il finanziare miliardario, morto suicida sabato in un carcere di Manhattan, dove attendeva il processo per reati come abuso di minori e induzione […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

L’ultima mossa di Öcalan. Il “patto” con Ankara dopo 20 anni di prigione

prev
Articolo Successivo

Macri battuto dal peronista Fernández

next