Dal colle del Viminale parte una bordata sulla manovra appena delineata lunedì scorso da Giuseppe Conte e Luigi Di Maio. Il tavolo di confronto della Lega con le parti sociali, convocato ieri ancora una volta al Viminale, è ormai a tutti gli effetti alternativo, nella forma e nei contenuti, al giro di consultazioni sulla legge […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La grande paura che scuote il M5S: l’incubo di Salvini che fa la crisi per il voto a ottobre

prev
Articolo Successivo

Caro Matteo, sono Maria: io con te non c’entro niente

next