In Europa il 2019 è un anno di addii ma anche di soldi per chi se ne va, da Jean-Claude Juncker a molti dei suoi commissari. I più anziani godranno di una eccellente pensione, i più giovani di un generoso paracadute. Discorso simile per gli europarlamentari: le elezioni di maggio ne ha “licenziati” il 60% […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Furti, escrementi, petardi e microspie. Salvate il soldato Gianfranco Rotondi

prev
Articolo Successivo

Una donna anche all’Fmi: i volti (e i voti) di Kristalina

next