Li definiscono “congelati”, “in attesa”, o un po’ più enfaticamente perfino “fantasmi”. Sono i 27 europarlamentari di diversi Paesi, eletti ma non in servizio a Strasburgo, vittime della Brexit prima che accada, e anzi, momentaneamente senza seggio proprio perché non si è compiuta. Tra di loro Sandro Gozi – italiano ma eletto in Francia e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Ursula vede Conte. La Concorrenza non tocca all’Italia

prev
Articolo Successivo

Salvini fa il premier, il Partito degli Affari ormai è la sua corte

next