Erano partiti in circa 300, lasciando la costa di Al Khoms, a un centinaio di chilometri a est da Tripoli. Poi il naufragio. È la “peggiore tragedia” del 2019 nel Mediterraneo centrale, per usare le parole di Charlie Yaxley, portavoce dell’Unhcr e di Filippo Grandi, commissario Onu per i rifugiati. Dei 300 passeggeri – forse […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Mattarella: “Io sono l’arbitro, le scelte spettano ai partiti”

prev
Articolo Successivo

I tre della Sea Watch chiedono l’immunità

next