Chiomonte (Torino) “Per noi non cambia nulla. Non avevamo politici amici prima e non ne abbiamo nemmeno adesso”. Al presidio No Tav di Venaus, nel cuore della Val Susa, è tutto un via vai di tavoli, martelli e tende. Tra poche ore questo spazio verde circondato dalle montagne accoglierà migliaia di persone per il Festival […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il Cipe e Toninelli in coro: il partito del cemento vince

prev
Articolo Successivo

Costa più fermarlo che farlo? Tutti i dati veri e le bugie sul Tav

next