La ministra M5s della Difesa, Elisabetta Trenta, ha promesso per settembre una legge o addirittura un decreto in favore delle vittime dell’uranio impoverito e degli altri agenti tossici a cui sono stati esposti i militari italiani durante le missioni all’estero e non solo. Per il momento, però, la Difesa continua a resistere alle richieste di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Così il boss sgridò Andreotti “Comandi a Roma, non qui”

prev
Articolo Successivo

Hong Kong, le Triadi cinesi contro la rivolta democratica

next