Ore 5 di ieri mattina: la sala operativa di Ferrovie dello Stato improvvisamente avverte un buco alle porte di Firenze. I dati sulla circolazione dei treni in uno dei maggiori snodi del Paese si interrompono bruscamente. L’Italia, come in un film di fantascienza, si blocca. Spaccata in due, come spesso avviene quando si verificano guasti […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Così lo manovravano: “Nel programma c’è”

prev
Articolo Successivo

Toninelli attaccato da tutti: Salvini, ma anche i 5 Stelle

next