La caccia ai conti esteri del Rubligate è ufficialmente iniziata. La direzione seguita dalla Procura di Milano, che indaga per corruzione internazionale, oltre alla Russia prenderà la strada di Londra. Nuova rogatoria alle porte, dunque. Obiettivo: capire quali atti e movimenti ha fatto l’avvocato Gianluca Meranda che ha trattato il progetto della compravendita di gasolio […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Zingaretti, un altro “Qualcosista” dem

prev
Articolo Successivo

Sgombero CasaPound, adesso la Raggi ci crede

next