La presidenza di turno finlandese del Consiglio dell’Unione europea non comincia sotto i migliori auspici. Prima di raccogliere il testimone dalla Romania, all’inizio di luglio, Helsinki aveva ricevuto una richiesta da parte di un centinaio di europarlamentari: fate finire la pratica della sponsorizzazione del semestre di presidenza. Tra gennaio e giugno, infatti, Bucarest aveva ottenuto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

L’impegno civile di Camilleri per l’ambiente

prev
Articolo Successivo

“Corrotti politici e tecnici per lo stadio della Roma”

next