Saranno da tre a otto, a seconda della Regione, e avranno il ruolo di intermediari tra i vertici nazionali e gli attivisti locali. Ieri il Movimento 5 Stelle ha presentato sul suo blog la prima novità della sua riorganizzazione dopo la batosta alle europee. Si tratta dei “facilitatori”, che saranno eletti su Rousseau dagli iscritti […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)