Quando nel 2012 il progetto per il nuovo stadio della Roma è stato presentato, il costruttore Luca Parnasi aveva due obiettivi: rilanciare l’immagine imprenditoriale della sua famiglia e realizzare un avveniristico complesso sportivo. Per realizzarlo, però, avrebbe corrotto e finanziato politici e dirigenti amministrativi per favorire le procedure di autorizzazione dell’impianto. Parnasi sarà processato il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Il semestre Ue con lo sponsor. “Basta, è conflitto d’interessi”

prev
Articolo Successivo

Uranio, la relazione Trenta-Grillo usata contro un carabiniere malato

next