Le morti parallele di Andrea Camilleri e Luciano De Crescenzo ci inducono a considerare quanto siano stati paralleli anche i loro destini di bestselleristi seriali in un Paese dove il best-seller se va bene è unico e irripetibile (ma se ne insegue la ripetizione all’infinito). Dominatore delle classifiche degli anni Ottanta, De Crescenzo ha fatto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Mi mancherà”: Clinton celebra Camilleri

prev
Articolo Successivo

testatina

next